Covid: al vaglio posizione commissario Costa, ordinanza 'da lui contributo morale decisivo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 30 mar. (Adnkronos) – La posizione di Renato Costa, il commissario per l'emergenza Covid a Palermo e responsabile dell'hub vaccinale è al vaglio degli inquirenti nper verificare il suo ruolo nell'ambito dell'inchiesta sui falsi dati Covid che ha portato all'arresto della dirigente regionale Letizia Di Liberti e dall'avviso di garanzia all'assessore Ruggero Razza, accusati entrambi di falso materiale e ideologico commesso da pubblico ufficiale in atto pubblico. "Costa era consapevole della prassi di “diluire” i dati dei contagi", scrive il gip nella ordinanza. E ha "a fronte dell’avallo dell’Assessore Razza", avrebbe disposto "a concordare con essa", la dirigente Di Liberti, "fornendo così un contributo morale decisivo". "Vanno sicuramente meglio definite le posizioni di persone non ancora indagate, ma il cui agire sembra aver contribuito alla falsificazione di dati rilevanti — dice il gip – Ci si riferisce – in particolare e senza escludere ulteriori coinvolgimenti – a Roberto Gambino e Giuseppe Rappa, entrambi dipendenti dell’Asp di Palermo, ai quali la Di Liberti suole rivolgersi per “correggere” taluni dati e che si dimostrano assai “sensibili” all’“esigenza” di intervenire ove necessario per rivedere valori critici; ci si riferisce altresì al Commissario Emergenza Covid-19, Renato Costa".