Covid: Ali, 'fiere libro si focalizzino su promozione lettura e formazione per addetti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 apr. (Adnkronos) – Le fiere del libro si focalizzino sulla promozione della lettura e sulla formazione degli addetti della filiera. E' quanto chiede l'Ali, l'Associazione Librai italiani aderente a Confcommercio, in una nota nella quale ricorda che "nei prossimi mesi, auspicabilmente ripartiranno anche le grandi fiere del libro" sottolineando la necessità che "questa ripartenza in un momento di crisi e incertezza può essere l’occasione per riflettere sul ruolo delle fiere nella crescita della lettura nel nostro Paese e sul contributo complessivo al mondo del libro". Un invito che arriva alla luce del fatto che occorre "anche lavorare per creare maggiori spazi e occasioni di aggiornamento e formazione per tutti gli attori della filiera del libro".

“Il governo, le regioni e le istituzioni tutte – è l’appello di Paolo Ambrosini, presidente di Ali Confcommercio – hanno oggi una grande occasione per aiutare la filiera del libro a fare un altro passo avanti e cogliere così da questo momento di difficoltà e incertezza l’opportunità per aiutare il Paese a crescere ancora di più nella lettura e la filiera in competenze e conoscenza: sarà certamente un bel modo di investire i soldi pubblici”.

"I momenti di crisi – afferma l'Ali – racchiudono sempre delle opportunità: è quanto avvenuto l’anno scorso quando, con il riconoscimento del libro bene essenziale, è cambiato profondamente l’andamento del mercato del libro. Come risulta dall’indagine Aie (Associazione Italiani Editori) infatti c’è stata una crescita del 2,4%, recuperando tutte le perdite accumulate nei mesi di chiusura più dura, seppure con una forte crescita del canale di vendita online".