Covid, allo studio spray nasale contro i danni ai polmoni

·2 minuto per la lettura

Un farmaco anti-tenia in formato spray nasale potrebbe rivelarsi utile nella lotta a Covid 19, bloccando i danni polmonari provocati dal coronavirus. Lo ha scoperto un gruppo di scienziati guidati da Mauro Giacca, docente di scienze cardiovascolari al King's College di Londra, che illustra il nuovo potenziale approccio terapeutico in un'intervista a 'La Repubblica'.

La ricerca è nata "nel 2020 - spiega - Collaborando con l'anatomopatologa Rossana Bussani dell'ospedale universitario di Trieste, ci siamo accorti che nei polmoni dei pazienti deceduti per Covid compaiono delle strutture molto particolari: dei grandi aggregati di cellule fuse insieme, detti sincizi. Questo succede perché la proteina Spike del virus" Sars-CoV-2, "per legarsi alle cellule da infettare, attiva una molecola che sta sulla superficie delle cellule, la fosfatidilserina, che favorisce la fusione. Il problema è che questo composto poi porta anche le cellule a fondersi tra di loro, creando ammassi che favoriscono la trombosi che si vede nel 90% dei pazienti con forme gravi di Covid. In questi pazienti si vedono coaguli sia nelle grandi che nelle piccole arterie polmonari".

Gli studiosi si sono quindi chiesti come impedire questo effetto. "Al King's College abbiamo delle collezioni con pressoché tutti i farmaci già approvati per l'uso umano, circa 3.800 - sottolinea Giacca - e abbiamo attrezzature robotiche che ci permettono di sperimentarli contro qualsiasi tipo di bersaglio, per trovare nuovi usi. In questo caso volevamo individuare dei farmaci che, bloccando la fosfatidilserina, impedissero le fusioni cellulari tipiche del Covid. Ne abbiamo trovati 3" e "il più efficace è il niclosamide, farmaco che oggi è usato per le infezioni da tenia. In questo momento è in corso la sperimentazione clinica in 5 centri in India".

"Sperimentiamo il farmaco su pazienti con forme di Covid più avanzate - precisa il Giacca - Questo perché, se lo si sperimentasse sui pazienti nella fase iniziale del Covid, visto che molti di questi pazienti guariscono spontaneamente, sarebbe difficile capire se la guarigione è dovuta al farmaco o solo al sistema immunitario. Ma se verrà confermata l'efficacia nella fase più avanzata, allora si presume che potrà funzionare anche per le prime fasi della malattia. La somministrazione potrà avvenire tramite spray nasale".

I risultati preclinici sembrano incoraggianti: "In Corea - riferisce lo scienziato - la compagnia farmaceutica Daewoong ha somministrato il farmaco a dei furetti infettati con Sars-CoV-2: dopo 3 giorni il virus era completamente sparito. Perché oltre a prevenire i sincizi, il niclosamide sembra inibire efficacemente anche l'infezione".

"Tra gli esperti c'è chi, come il direttore del Dipartimento di Virologia del King's College, sostiene che questo farmaco sia al momento il miglior antivirale contro il Covid". Secondo Giacca, "potrebbe essere molto utile in attesa che a fine anno arrivino i primi veri farmaci specifici contro i 2 enzimi caratteristici del virus".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli