Covid, Andreoni: "Dati preoccupano, misure restino"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"I dati quotidiani preoccupano, il tasso di positività è alto e c'è ancora una forte pressione sugli ospedali con un aumento dei ricoveri in terapia intensiva. Nonostante il lockdown durante le feste abbiamo visto momenti di assembramento e di ridotto rispetto delle misure. Questo potrebbe avere delle conseguenza sulla curva epidemiologica a gennaio quindi sarebbe meglio, anche dopo le feste, mantenere le misure e un regime di rigidità". Lo afferma all'Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore Uoc Malattie infettive all'università di Roma Tor Vergata, commentando il bollettino quotidiano del ministero della Salute sul quadro epidemiologico.

Sulla riapertura delle scuole il prossimo 7 gennaio, Andreoni precisa che 'i numeri dell'epidemia sono alti, doppia dare il tempo al vaccino di funzionare e non possiamo permetterci a gennaio di avere una impennata dei casi. Per questo - chiosa - forse dovremmo ripensare alla riapertura delle scuole con tempistiche più rallentate".