Covid: anestesisti, 'serviva stretta, in tempo per invertire rotta prima di Natale'

·1 minuto per la lettura
featured 1544036
featured 1544036

Roma, 25 nov. (Adnkronos Salute) – "Serviva una stretta significativa delle misure di prevenzione del contagio. Sulla carta sono piuttosto importanti e il giudizio è nel complesso positivo". Lo dice all'Adnkronos Salute Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), commentando le nuove misure varate ieri dal Governo. "Secondo noi – aggiunge Vergallo – ci sono i tempi per invertire, prima di Natale, la rotta dell'attuale risalita della curva, che fortunatamente è lineare e non esponenziale".

Nel merito gli anestesisti giudicano "molto positivo l'allargamento delle categorie per cui sarà obbligatorio il vaccino, aver incluso anche le forze dell'ordine, dove ci risulta che c'è una percentuale molto alta di resistenza, è una cosa buona e anche giusta. Mentre – avverte Vergallo – non mi pare di aver visto nel provvedimento un inasprimento delle sanzioni per chi, ad esempio, trasgredisce quanto prevede il super Green pass. Ecco, forse sul fronte controlli e sanzioni sarebbe stato più corretto fare il punto di quanto fatto ad oggi e capire – conclude – se si deve essere più duri con chi non segue la legge e mette a rischio la salute della comunità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli