Covid: Anir Confindustria, 'si è capito che problema non sono mense aziendali'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 7 set. (Labitalia) – "Finalmente vediamo che il problema di rendere i luoghi di lavoro sicuri si sta affrontando in maniera decisa: diciamo da settimane che la vicenda dell’obbligo del green pass solo nelle mense aziendali è un errore in termini, un falso problema. La questione sono i luoghi di lavoro: dopo ospedali, scuole, pubblica amministrazione, in tutti dovrebbe l’obbligo del green pass per accedervi e lavorarvi. Le mense aziendali sono una parte degli ambiti di lavoro, un servizio di pubblica utilità spesso complementare al servizio pubblico". Lo dichiara in una nota Massimiliano Fabbro, presidente di Anir-Confindustria, l’associazione nazionale delle imprese di ristorazione collettiva.

"Per noi è importante che ci sia sempre più chiarezza nelle modalità in cui possiamo svolgere il nostro servizio, lo abbiamo sempre fatto anche in pieno lockdown rispettando le regole che ci siamo dati tutti, aziende sindacati e Pa", spiega ancora.

"Siamo pronti a garantire che anche i nostri operatori abbiano il green pass nei servizi di ristorazione collettiva dedicati alla Pa, chiediamo solo regole certe e che le nostre aziende non devono essere nuovamente disorientate, sarebbe dannoso per un settore già fortemente colpito dalla pandemia e che ci allontanerebbe da quel ritorno alla normalità tanto auspicato", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli