Covid, arriva il modulo per autocertificarsi negli ospedali romagnoli

·1 minuto per la lettura
coronavirus-ospedali
coronavirus-ospedali

Nelle ultime ore l’Ausl Romagna ha predisposto l’utilizzo di apposite autocertificazioni da consegnare preventivamente al personale sanitario al fine di poter far visita ai propri cari ricoverati negli ospedali e nelle strutture si assistenza sanitaria presenti sul territorio. Una decisione che punta a limitare eventuali code e assembramenti nelle strutture dedicate, anche nell’ottica di evitare la diffusione del coronavirus in Emilia-Romagna come richiesto da una recente ordinanza della Regione.

Coronavirus, torna l’autocertificazione in Romagna

Nell’apposita autocertificazione, che dovrà essere consegnata al personale dell’ospedale, gli eventuali visitatori dovranno specificare di non essere al momento sottoposti al regime della quarantena o dell’isolamento fiduciario, oltre che di essere rientrati da meno di 14 giorni da quei paesi esteri inseriti all’interno dell’elenco stilato dal ministero della Salute: “Ciò a tutela della sicurezza sia di chi è accolto in una struttura e dei relativi operatori, sia di chi vi entra”.

Sul proprio sito ufficiale, l’Ausl Romagna specifica inoltre che le nuove autocertificazioni valgono sia per gli ospedali che per le case di riposo, venendo a loro volta suddivise in due differenti moduli, uno per: “Chi, appunto, va a trovare un conoscente, e uno per coloro che devono recarsi ad effettuare prestazioni presso la struttura”. Al fine di contenere in maniera ulteriore gli assembramenti di persone all’interno delle strutture, l’azienda sanitaria raccomanda infine: Di arrivare alla struttura con tali moduli già compilati, al fine di limitare le attese, scaricandoli e compilandoli a casa”.