Covid: Assolombarda, 'allarme mafia in Lombardia, a rischio rifiuti, sanità e servizi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 21 apr.(Adnkronos) – "Oggi la mafia in Lombardia coinvolge un numero sempre più consistente di imprese, grazie alla sua capacità di offrire soluzioni rapide, servizi a basso costo e prestiti in denaro. Stravolgendo e corrompendo, però, imprese, mercato, economia". A lanciare l'allarmeAntonio Calabrò, vicepresidente di Assolombarda con delega alla Legalità, in occasione dell’evento 'Le infiltrazioni mafiose al tempo del Covid-19', trasmesso in diretta streaming sul webmagazine di Assolombarda Genio & Impresa.

Per Calabrò è necessario "prestare la massima attenzione", dal momento che "gli effetti della pandemia hanno prodotto una notevole espansione sia degli interessi sia della sfera d’azione della criminalità organizzata, dalle infiltrazioni attraverso il gioco dei capitali che creano pericolosi legami di dipendenza per le aziende, alle attività di estorsione e usura a danno degli imprenditori, alle attività di cybercrime che colpiscono il patrimonio informativo aziendale. Oltre alla gestione illecita dei rifiuti, alle attività nell’edilizia e alla presenza nel settore dei servizi, compresa la sanità".

I clan mafiosi, sottolinea il vicepresidente di Assolombarda, "operano anche attraverso 'zone grigie' tra soggetti economici, politici e sociali del mondo legale, disponibili ai legami d’affari e di potere".