Covid: Astuti (Pd Lombardia), 'vaccinare irregolari umano e utile per la salute pubblica'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 19 mag. (Adnkronos) – Dai primi di giugno la Regione Lombardia aprirà le vaccinazioni a irregolari e homeless seguendo come per tutti il criterio delle fasce di età. Ad annunciarlo è stato il vicedirettore della direzione Welfare Marco Salmoiraghi, oggi in Commissione sanità, rispondendo a una sollecitazione del consigliere regionale e capodelegazione del Pd in Commissione sanità, Samuele Astuti.

"Finalmente -afferma Astuti- la Regione ha raccolto la nostra reiterata sollecitazione a vaccinare gli immigrati irregolari e i senza fissa dimora. Nonostante questo la consigliera Viviana Beccalossi ha avviato una sterile polemica, invocando un presunto diritto di precedenza degli italiani e definendo il provvedimento uno 'schiaffo a chi attende'".

Questo, spiega l'esponente dem, è "un ragionamento sbagliato che non condivido in nessun modo per almeno tre ragioni: innanzitutto la legge stabilisce che la precedenza nelle vaccinazioni per età e fragilità vale per tutti, a prescindere dalla provenienza. Irregolari e homeless anziani, se sono contagiati dal virus, rischiano la vita, esattamente come i cittadini italiani e l’umanità impone di adoperarsi perché non accada. A questo si aggiunge una basilare regola di epidemiologia che impone, per arginare la diffusione del virus, di vaccinare il numero maggiore di persone chiunque esse siano".