Covid: Atr Milano, boom cancellazioni in hotel, quasi -70% in settimana Capodanno

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 30 dic. (Adnkronos) – Atr Milano, l’associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti, punta il dito contro il decreto festività per l'ondata di cancellazioni che ha investito nell'ultima settimana i centralini degli hotel. "Capiamo la necessità delle ulteriori restrizioni per l’avanzata della variante Omicron, ma punire indistintamente vaccinati e non con la chiusura delle piazze e delle discoteche ci ha portato anche una prevedibile ondata di cancellazioni delle prenotazioni per il Capodanno: è abbastanza logico che togliendo alle persone la possibilità di festeggiare, queste poi preferiscano organizzarsi diversamente", spiega il presidente di Atr, Rocco Salamone.

Secondo i dati di Atr le cancellazioni nelle settimana del Capodanno a Milano hanno toccato una media vicina al 70%: si salvano solo gli hotel con ristorante che possono offrire cenone più pernottamento. Il nuovo decreto che estende il green pass rafforzato dal 10 gennaio a trasporti, hotel, fiere e congressi "rende la situazione critica anche per i mesi a venire", si sottolinea nella nota.

"La situazione sta diventando insostenibile anche perché già da alcune settimane notiamo un blocco delle prenotazioni per i mesi invernali le persone sono scettiche sulle possibilità di viaggio, temono ulteriori restrizioni e quindi preferiscono attendere anche se sono supervaccinate. A questo si aggiungono altre problematiche come il rinnovo della Cig, la cassa integrazione in deroga che è arrivata alla scadenza del 31 dicembre con tante promesse ma nessun atto pratico. Se dicembre è stato il mese delle cancellazioni, di questo passo gennaio sarà il mese dei licenziamenti", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli