Covid, in aumento le positività e le terapie intensive: le regioni che rischiano la zona gialla

·1 minuto per la lettura
Covid Bulgaria ospedali collasso
Covid Bulgaria ospedali collasso

In Italia ora l’incidenza è pari a 50 casi su 100 mila abitanti. Anche le terapie intensive sono in aumento e gli ospedali tornano sotto pressione.

Covid, regioni a rischio zona gialla: il monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità

I numeri emersi dall’ultimo monitoraggio dell’Istituto superiore di Sanità sono preoccupanti, l’incidenza è ora superiore a 50 casi positivi su 100 mila abitanti. Anche l’Rt è in continuo aumento, si è passati da un indice di trasmissibilità di 0,8 a poco sopra l’1. Per il passaggio di una regione alla zona gialla l’incidenza settimanale dei contagi deve essere pari o superiore a 50 ogni 100mila abitanti se il tasso di occupazione dei posti letto in area medica supera 15 per cento e il tasso di occupazione in terapia intensiva sia superiore al 10 per cento.

Covid, regioni a rischio zona gialla: quali sono le zone più colpite

In questo momento, in Italia, sono ben dieci le regioni che sono a rischio zona gialla, poichè superano i 50 casi per 100 mila abitanti. Si tratta di Friuli Venezia Giulia, la provincia autonoma di Bolzano, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Umbria, Abruzzo, Campania e Calabria. Tra queste la regione più colpita e quindi più a rischio per il momento è il Friuli. Da due settimane i pazienti Covid nei reparti ospedalieri in Friuli Venezia Giulia sono passati dal 3% al 6% e le terapie intensive sono più che raddoppiate, dal 4% al 10%.

Covid, regioni a rischio zona gialla: le parole del sindaco di Trieste

Il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, lancia l’allarme e indica i suoi colpevoli: “Siamo al limite della zona gialla, ci sono state le manifestazioni e questo è il risultato. Un aumento simile dei casi nella mia città non c’era mai stato quindi è stato causato da quelle proteste contro il Green pass. Ho il terrore di ritornare in una piazza dell’Unità deserta, dove è tutto chiuso. Abbiamo rubato un anno e mezzo ai giovani, vogliamo ritornare a quel punto?”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli