Covid Australia, Melbourne volta pagina dopo 3 mesi di lockdown

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

A Melbourne riaprono - dopo tre mesi di lockdown - negozi e ristoranti. Lo stato australiano di Victoria esce dalla seconda tornata di restrizioni decise a causa della pandemia di coronavirus. Melbourne, con i suoi 4,9 milioni di abitanti, ha vissuto uno dei lockdown più lunghi al mondo. Le prime misure risalgono in realtà a inizio luglio, quando si registravano circa 200 casi di contagio al giorno. Poi a inizio agosto, con quasi 700 casi al giorno, il premier Daniel Andrews - finito sotto accusa per il lockdown duro - dichiarava uno stato di emergenza e nuove restrizioni in tutto lo stato.

Inizialmente era in vigore il coprifuoco notturno ed erano consentiti gli spostamenti solo entro 5 km dalla residenza. Nelle ultime settimane alcune restrizioni erano state allentate e dalla mezzanotte Melbourne è tornata quasi alla normalità con ristoranti, bar, pub, negozi autorizzati a riaprire. In alcuni bar ci sono stati festeggiamenti in stile Capodanno. Ma all'interno dei locali possono entrare ancora solo 20 persone. E per gli abitanti di Melbourne, almeno fino all'8 novembre, restano consentiti gli spostamenti solo entro i 25 km. Resterà obbligatorio l'uso della mascherina. Dall'inizio dell'emergenza l'Australia, con 25 milioni di abitanti, ha registrato oltre 27.500 casi di Covid-19 con 907 decessi (819 nello stato di Victoria).