Covid, Bassetti: "Italia ha sbagliato conteggio morti"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Abbiamo sbagliato anche a contare i morti. Abbiamo contato in modo diverso rispetto al resto d'Europa". Sono le parole del professor Matteo Bassetti a L'aria che tira. "Quando abbiamo cambiato la metodologia di conteggio dei decessi, stiamo drammaticamente decrescendo come letalità. Ma abbiamo un peccato originale legato a marzo e ad aprile: chiunque arrivasse in ospedale con un tampone positivo, anche se aveva un infarto veniva qualificato come morto per covid", dice Bassetti. "Se a distanza di 9 mesi non sappiamo guardare indietro e ammettere un errore, continueremo ad essere considerati tra i peggiori d'Europa. Come medico non mi piace, abbiamo una mortalità più alta di quella dell'India. E' evidente che ci sia un problema soprattutto di conteggio", aggiunge.

GUARDA ANCHE: Scintille con Crisanti in tv

Si discute dell'ipotesi di aprire all'arrivo dei medici stranieri. Siete sicuri che i medici stranieri vogliano venire a lavorare in Italia dove li paghiamo un terzo di quanto li pagano in ogni altro Stato europeo? Il problema non è aprire, il problema è se vengono. I medici italiani sono tra i migliori medici al mondo e chi può scappa all'estero. Li paghiamo meno e li facciamo lavorare di più. In Italia quando fai le cose giuste c'è comunque qualcuno che ti dice che è sbagliato. I medici se ne vanno dall'Italia e fanno bene. C'è un mercato in uscita e non in entrata. Apiramo ai medici stranieri e magari qui verranno quelli di basso livello, da paesi dove non c'è una formazione adeguata".

GUARDA ANCHE: Quanto dura l’infezione