Covid: Bergamini, 'per vaccini criterio età e soggetti deboli'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – “Sui vaccini agli anziani e alle categorie fragili bisogna correre. Dobbiamo tutelarli usando ogni mezzo a disposizione. Non dimentichiamo che gli anziani sono il pilastro della rete sociale che tiene in piedi la coesione familiare e, purtroppo, sono coloro che hanno pagato il prezzo più alto in termini di decessi nel corso della pandemia. Già da giovedì 15 aprile, in Italia arriveranno 4,2 milioni di vaccini e tutte le Regioni dovrebbero prepararsi a stilare i calendari tenendo presente come criterio preferenziale quello dell’età, senza tralasciare ovviamente i più deboli. L’invito è a non prediligere, in alcun modo, la ormai famosa categoria 'Altro' che in proporzione è davvero molto cospicua”. Lo afferma Deborah Bergamini, sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento.