Covid, Bersani: "Serve contributo di solidarietà"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Chi è meno colpito e ha di più deve dare qualcosa". Pier Luigi Bersani invoca "un contributo di solidarietà" mentre l'Italia è alle prese con la seconda ondata dell'epidemia di coronavirus e ampie fasce dell'economia subiscono effetti disastrosi. "Ci sono tanti ceti e tanti redditi che non hanno perso, alcuni hanno guadagnato molto. Ci sono bar e negozi che hanno chiuso", dice Bersani a DiMartedì. "Una patrimoniale? Un contributo di solidarietà. E’ chiaro che deve pensarci lo Stato, tirare su qualche miliardo con un meccanismo di solidarietà non direbbe qualcosa a questo paese?", afferma ancora.

Bersani si sofferma anche sulla crisi della Calabria, con la poltrona di commissario straordinario alla Sanità ancora vuota. "E' una regione bellissima ma non ci sarà fila per andare a fare il Commissario perché la situazione è difficile. La persona giusta era Zuccatelli ma ha pagato per una sciocchezza detta mesi fa e che è saltata fuori al momento giusto".