Covid: Boccia, 'rispetto per chi protesta ma che c'entra Casapound?'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – "Abbiamo il massimo rispetto per chi protesta in piazza e vanno sostenute concretamente tutte le categorie in grave difficoltà a causa del Covid-19: dai ristoranti, ai bar, dalle palestre ai cinema e teatri, così come al commercio, in particolare il settore moda colpito gravemente. Ma cosa c'entra oggi Casapound con i ristoratori in una piazza non autorizzata?" Così ai microfoni di Tgcom 24 Francesco Boccia, responsabile Enti locali del Pd.

"Tutti hanno il diritto di manifestare e di essere ascoltati -aggiunge- ma nessuno può pretendere di farlo senza autorizzazione e con la chiara strumentalizzazione e violenza di movimenti che nulla hanno a che fare con i problemi della ristorazione. La politica non deve soffiare sul fuoco delle proteste perché così si alimentano solo conflitti sociali; mi aspetto una presa di distanza dalla presenza in piazza di Casapound da parte di tutti i partiti politici; restare in silenzio è da irresponsabili e oltraggia il lavoro difficile delle Forze dell’Ordine".