Covid, boom di casi di mal di schiena durante il lockdown

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 feb. (askanews) - Dedicare almeno 15 minuti al giorno allo stretching, adottare uno stile di vita sano, utilizzare ghiaccio o acqua calda per sciogliere la tensione muscolare e ricorrere alla laserterapia. Ecco alcuni dei consigli degli esperti per combattere il dilagante mal di schiena che, secondo una recente ricerca internazionale, è arrivato a colpire il 43,8% delle persone causa lockdown, con una leggera prevalenza tra le donne.

Sensazioni di pesante nausea, vertigini, stress accumulato e nervosismo. Sintomatologie piuttosto frequenti che vengono causate dal mal di schiena, problematica in forte aumento durante i periodi di quarantena che hanno spinto milioni di persona alla sedentarietà forzata. Basti pensare che, secondo una recente indagine condotta da un pool di ricercatori provenienti da Arabia Saudita, Romania e Croazia e pubblicata sull'International Journal of Environmental Research and Public Health, la prevalenza puntuale di casi di mal di schiena è passata dal 38,8% del pre quarantena al 43,8% dopo il lockdown, con una crescita totale dei casi dell'11%. Nello specifico, le persone più colpite sono state quelle di età compresa tra i 35 e i 49 anni, che avevano un indice di massa corporea uguale o superiore al 30, che erano sottoposti ad alti livelli di stress e che erano soggetti a una sedentarietà prolungata, non praticando attività fisica. Ma la schiena non è stata l'unica parte del corpo interessata: le persone hanno riscontrato anche sempre più frequentemente problemi al collo (+17,44%), alle spalle (+25,41%), al torace (+74,44%) e alle gambe (+40,40%). E ancora, la percentuale di persone che non hanno praticato attività fisica è aumentata addirittura del 173,97% passando dal 7,3 al 20%. A riportare maggior dolore durante il periodo di quarantena sono state le donne, (2,46 su un massimo di 5 proposto dal questionario), mentre gli uomini si sono fermati a 2,39.

Un pensiero condiviso anche da una ricerca della University of Nevada pubblicata su Friday Magazine, che ha citato la struttura fisica più esile rispetto a quella maschile come causa scatenante dei problemi lombari tra le donne. Ma quali sono, dunque, i consigli degli esperti per prevenire e curare il mal di schiena? La prevenzione parte senza dubbio a tavola con un'alimentazione sana ricca di fibra e verdure. Evitare il sovrappeso, infatti, rappresenta la condizione principale per non contrarre problemi ben più gravi alla colonna vertebrale. Si continua con esercizi di stretching e rafforzamento muscolare per migliorare la flessibilità della schiena ed è consigliabile l'utilizzo di rimedi domestici semplici, ma al tempo stesso efficaci, come del ghiaccio o una bottiglia di acqua calda.