**Covid: Brosio, 'Bassetti dice di vaccinare mia mamma centenaria? Mai, pensi alla sua!'** (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Il giornalista, che l'inverno scorso ha avuto il Covid prima di entrare nella Casa del Grande Fratello Vip, spiega: "Quando si hanno i primi sintomi del Covid bisogna prendere subito i farmaci che danno negli ospedali, e non aspettare che si scateni la tempesta di citochine", incalza. E torna poi sulla sua esperienza: "Io sono stato ricoverato 18-20 giorni all'istituto clinico Casal Palocco, ho imparato i farmaci che servono per curarsi e so che devono essere somministrati al momento giusto, con tempestività". Il giornalista spiega di non avere intenzione di farsi inoculare il vaccino. "No, non me lo faccio neppure io, perché essendo guarito da covid in maniera naturale, senza ventilazione, senza intubazione e con i farmaci normali, non ci penso nemmeno, per ora".

Brosio vuol essere chiaro: "Io non sono un no vax, sono favorevole ai vaccini. Quando sono andato all'Isola dei Famosi nel 2006, di nuovo nel 2019, quando dovevo andare in India per la trasmissione 'Tribù missione India' con Paola Perego, che poi saltò, avevo fatto qualcosa come 12 vaccini -scandisce Brosio- Ma quello per un virus di tipo influenzale è mutante, ci sono mille varianti, dovresti fare duemila vaccini, perché non lo acchiappano. Io preferisco fare una grande prevenzione, finché posso".

Il giornalista fa anche un'osservazione sulla gestione della pandemia nel nostro paese: "Abbiamo avuto decine e decine di migliaia di morti attribuiti al Covid dall'inizio della pandemia, l'economia va a rotoli, e siamo tutti chiusi in casa in zona rossa, però abbiamo avuto un esodo di massa alle Baleari perché lì si poteva andare -affonda- Le nostre spiagge deserte, ma perché in Spagna non c'è il Covid? Qui non c'è nessun sostegno alle imprese, moriamo di fame e di virus, e questo significa che c'è qualcosa che non va in questa strategia. La classe politica farebbe bene a riesaminare le decisioni di questi virologi, che passano ore ed ore al giorno in televisione!", conclude.