Covid Calabria, 283 nuovi contagi e 3 morti: bollettino 10 marzo

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Sono 283 i nuovi contagi da Covid-19 registrati oggi 10 marzo in Calabria. Tre i morti per coronavirus, secondo il bollettino diffuso dal dipartimento Tutela della Salute. In lieve flessione i ricoveri in terapia intensiv: -2 terapie intensive, +118 i guariti/dimessi.

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti: Cosenza: casi attivi 2.726 (50 in reparto Ao di Cosenza; 14 in reparto al presidio di Rossano; 7 al presidio ospedaliero di Acri; 15 al presidio ospedaliero di Cetraro; 0 all'Ospedale da Campo; 10 in terapia intensiva, 2.630 in isolamento domiciliare); casi chiusi 8.912 (8.617 guariti, 295 deceduti). Catanzaro: casi attivi 1.718 (21 in reparto all'Ao di Catanzaro; 5 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 1 in reparto all'Aou Mater Domini; 14 in terapia intensiva; 1.677 in isolamento domiciliare); casi chiusi 3.891 (3.790 guariti, 101 deceduti). Crotone: casi attivi 304 (16 in reparto; 288 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.744 (2.701 guariti, 43 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 450 (13 ricoverati, 437 in isolamento domiciliare); casi chiusi 3275 (3216 guariti, 59 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 1.520 (85 in reparto all'Ao di Reggio Calabria; 9 in reparto al P.o di Gioia Tauro; 9 in terapia intensiva; 1.417 in isolamento domiciliare); casi chiusi 13.992 (13.778 guariti, 214 deceduti).

Altra Regione o Stato estero: casi attivi 50 (50 in isolamento domiciliare); casi chiusi 309 (309 guariti). I casi confermati oggi sono così suddivisi: Cosenza 121, Catanzaro 49, Crotone 41, Vibo Valentia 16, Reggio Calabria 56. Altra Regione o Stato estero 0. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 144. Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile.