Covid, Calderoli: Governo rimanda decisioni che altri prenderanno

Pol/Bar
·1 minuto per la lettura

Roma, 30 ott. (askanews) - "Mille morti da lunedì, oggi quasi 31mila contagiati eppure Palazzo Chigi tentenna. Mi sembra un Governo-falena". Lo ha dichiarato in una nota Roberto Calderoli (Lega), vicepresidente del Senato. "Avete presente - ha continuato - quelle farfalle che in estate la sera ti entrano in casa e vanno a sbattere istericamente contro la lampadina accese, abbagliate dalla luce. Quando capita hai tre soluzioni: aprire la finestra e sperare se ne vada spontaneamente, spegnere la luce oppure sopprimerle. Io non sopprimo mai le falene, non spengo la luce e di solito apro la finestra e cerco di farle uscire, ma sicuramente non resto a guardare e faccio una scelta! Questo Governo purtroppo sembra proprio la falena che va a sbattere contro la lampadina, va a sbatterci senza senso e con il rischio di bruciarsi, mentre tutti i Paesi occidentali, anche se in ritardo, stanno assumendo delle decisioni vere. Qualcuno privilegiando l'aspetto sanitario, altri quello economico". A giudizio dell'esponente leghista "il nostro Governo invece finora si è contraddistinto per non decidere o peggio ancora ha deciso di non puntare a nessuno due obiettivi determinando così sia l'eutanasia dell'economia sia il semaforo verde per il virus che purtroppo resta libero di circolare, di travolgerci e affondarci. A questo punto mantengo la mia propensione a non ammazzare le falene, resto per aprire la finestra per farle uscire cambiando aria nelle stanze". "Attenzione però - ha concluso Calderoli - che qui tra poco interverrà qualcuno dall'alto, qualcuno che ha la massima responsabilità del Paese e dovrà intervenire per sopprimerla questa falena che ha perso la direzione...".