Covid, Calenda: "Vaccino obbligatorio? Sì per chi lavora con categorie fragili"

Sarebbe utile rendere il vaccino obbligatorio? "Sì per chi lavora con categorie fragili. Una scelta personale non può mettere a rischio i più fragili. Quindi obbligatorio per tutti i medici, per intendersi". Lo dice Carlo Calenda, leader di Azione, in un'intervista all'Adnkronos.

"La questione vera sui vaccini è che il piano vaccinale del governo non ha alcuna sostanza nei numeri, il problema è se riusciamo a gestire le vaccinazioni, non se rendere obbligatorio il vaccino. Intanto riusciremo a vaccinare 13 milioni di persone, ovvero 26 milioni di dosi, entro fine marzo come dice Speranza? I numeri che ho analizzato io dicono no" dice Calenda.