Covid: Cambiamo, 'guai a ideologie in riaperture, coprifuoco alle 22 insensato'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 apr. (Adnkronos) – “La decisione del governo di procedere a riaperture a partire del 26 aprile non deve essere oscurata da atteggiamenti ideologici o insensatamente punitivi”. Lo spiega in una nota l’esecutivo nazionale di Cambiamo!

“Se non si vogliono creare effetti contraddittori, è giusto usare buonsenso e logica. Il consumo all’interno dei bar deve essere consentito. Come pure è deleterio attardarsi in dispute ideologiche di stampo politico sul coprifuoco. Se si consente ai ristoranti di riaprire a cena, imporre il limite delle 22 è insensato: meglio spostarlo di una o due ore. E poi lasciarlo per evitare assembramenti. Idem per il pass. In attesa che il piano vaccinale si completi, se viene inteso in una logica restrittiva si rischia che a muoversi per i prossimi mesi possano essere solo gli ultra sessantenni. È bene dunque, sempre nel rigoroso rispetto delle norme di sicurezza, evitare accanimenti e usare senso della misura nelle riaperture per evitare effetti paradossali di un intervento che deve consentire agli italiani di tornare a respirare libertà di movimento e di azione”, conclude la nota.