Covid, cambiano i fattori di rischio: nuova scoperta sul peso

·1 minuto per la lettura
Covid, cambiano i fattori di rischio: nuova scoperta su sesso e peso (Getty)
Covid, cambiano i fattori di rischio: nuova scoperta su sesso e peso (Getty)

Nuova scoperta sui fattori di rischio legati alla morte da Covid-19 e allo sviluppo di forme gravi dell'infezione. Secondo uno studio condotto dal Montefiore Medical Centre nel Bronx, New York, sono più a rischio gli uomini obesi rispetto alle donne obese. I risultati dello studio sono stati pubblicati sull'European Journal of Clinical Microbiology and Infectious Diseases.

Analizzando i dati di 3.530 pazienti infetti ricoverati in ospedale a New York, i ricercatori hanno rilevato che gli uomini non hanno bisogno di essere grassi come le donne per avere "un'associazione significativa con una mortalità ospedaliera più elevata".

GUARDA ANCHE - Il Covid ha annullato l'influenza, cosa dicono i numeri

L'obesità per gli uomini, inoltre, può essere un fattore di rischio più forte per la polmonite grave da Covid. Nello studio, un indice di massa corporeo (Bmi) compreso tra 35 e 39,9 viene considerato come obesità di classe II, mentre 40 e più viene considerato come classe III. I pazienti obesi avevano una maggiore probabilità di morire in ospedale, sviluppare una polmonite grave o dover essere collegati a un ventilatore, rispetto agli adulti che avevano un peso minore. 

I ricercatori non sono ancora riusciti a capire perché l'obesità avesse un legame più forte con Covid grave negli uomini rispetto alle donne: "Sono necessari studi più ampi prima di poter affermare con certezza che l'obesità di classe II è un fattore di rischio minore nelle donne che negli uomini", ha commentato Jamie Hartmann-Boyce, ricercatore presso l'Università di Oxford. 

GUARDA ANCHE - Vaccini a scuola? Le ipotesi del governo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli