Covid, campagna vaccinale europea "lenta in modo inaccettabile" - Kluge (Oms)

·1 minuto per la lettura
Hans Kluge, direttore regionale per l'Europa dell'Oms a Copenhagen

ZURIGO (Reuters) - Le operazioni di vaccinazione contro il Covid-19 in Europa sono "lente in maniera inaccettabile" e ciò accresce i timori che i ritardi nella somministrazione delle dosi possano prolungare la pandemia mentre si diffondono le nuove varianti.

Lo ha detto Hans Kluge, direttore regionale per l'Europa dell'Oms, sottolineando che solo il 10% della popolazione della regione ha ricevuto una dose del vaccino e appena il 4% è totalmente vaccinato.

"La distribuzione di questi vaccini è lenta in maniera inaccettabile", afferma Kluge in un comunicato "...Dobbiamo velocizzare il processo intensificando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione dei vaccini e utilizzando ogni singola fiala a disposizione, ora".

L'Europa è stata più lenta rispetto a Gran Bretagna e Stati Uniti, non solo nell'ordinare i vaccini l'anno scorso dalle case farmaceutiche, ma anche nell'approvarli. Anche una volta che i vaccini sono stati autorizzati dal blocco, i tassi di vaccinazione restano inferiori a quelli registrati in Gran Bretagna e Stati Uniti.

(Tradotto da Michela Piersimoni in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)