Covid in Campania, possibile dietrofront di De Luca sulle mascherine

·2 minuto per la lettura
coronavirus mascherine aperto campania
coronavirus mascherine aperto campania

L’aumento dei casi di coronavirus e l’affollamento dei luoghi di villeggiatura preoccupano il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca che starebbe valutando il ripristino dell’obbligo della mascherina anche all’aperto, come già avviene a Capri. Tra le cause dell’impennata di contagi la movida notturna e la scelta di molti italiani di passare le prossime vacanze nel Belpaese.

Coronavirus, mascherina all’aperto in Campania?

Il brusco rialzo dei contagi di coronavirus in Campania sta rendendo sempre più concreta l’ipotesi di una nuova ordinanza che imporrebbe nuovamente l’obbligo della mascherina all’aperto.

Il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca ha già fatto intuire che al momento rimane un’ipotesi, ma non così campata in aria: “Se c’è una moltiplicazione di contagi diverrà inevitabile, mi auguro sinceramente di no. L’importante, lo dico ai giovani, è che quando vi incontrate la sera e state uno addosso all’altro quello è il momento nel quale bisogna indossare la mascherina“.

Le cause del ripensamento

Il ripensamento avrebbe come origine i dati rilevati nelle ultime settimane, non così preocupanti come nella fase 2, ma comunque indice di presenza attiva del virus. Molti campani vista la situazione hannio deciso di trascorrere le vacanze sulle spiegge del Golfo, sulla Costiera Amalfitana o nel Cilento. In aggiunta a questo fatto, molti abitanti del Centro-Nord hanno deciso di restare in Italia per quest’anno, affollando ancor di più i luoghi di villeggiatura campani.

In prospettiva quindi è inevitabile che la regione continui a registrare nuovi casi. Con l’estate si è aggiunto il pericolo rappresentato dalla movida notturna a complicare la situazione. La mascherina all’aperto nei prossimi mesi potrebbe contenere i numeri, ma al momento l’ordinanza non è stata ancora pubblicata.

Nel frattempo De Luca insiste nell’educare civilmente il popolo campano: “Nessuno ci garantisce quando entriamo in un bar, non sappiamo chi è entrato prima di noi, ci vuole molta molta prudenza. Dobbiamo evitare di bere dagli stessi bicchieri o bottiglie. Un po’ di pazienza e responsabilità e andremo avanti“.