Covid, Cannito: "No a capienza teatri all'80%, governo non si fida di vaccini e green pass?"

·1 minuto per la lettura

"Sono preoccupato se mai venisse decisa la capienza all'80% dei teatri. Un gioco, da parte del governo, solo per far vedere che sta 'trattando' e sta venendo incontro al teatro e alla salute dei cittadini. Se si permette una cosa del genere significa che lo stesso governo e il comitato tecnico scientifico, forse, non si fidano ancora dei vaccini e del green pass?". E' quanto si chiede, parlando con l'Adnkronos, il regista e coreografo Luciano Cannito nel giorno in cui il Cts si pronuncerà in merito alla capienza di cinema e teatri.

"In quasi tutti i Paesi del mondo il teatro, dal West end a Broadway, ha ripreso la sua attività al 100%. Ingresso con green pass o senza green pass - ha aggiunto Cannito - Questa è l'unica differenza. Nessuno ha mai messo in discussione la capienza al 100%. Il teatro e il cinema sono tra i luoghi più sicuri".

"Ci sentiamo come sorvegliati speciali - ha proseguito il direttore dell'Art Village di Roma- quasi fossimo tutti sobillatori e frondisti. Il teatro e il cinema in ostaggio della politica, capri espiatori per far vedere che si sta tenendo alta la guardia. Ma si continuano a penalizzare settori che continuano a vivere in una situazione drammatica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli