Covid, Cartabellotta: "Un tampone al mese per vaccinati ragionevole"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 nov. (Adnkronos Salute) – "Se uno volesse stringere le maglie ulteriormente e dire che i vaccinati ogni mese devono fare un tampone molecolare, sarebbe una scelta ragionevole". E' un passaggio dell'intervento di Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, a Omnibus su La7.

"Mandiamo in tilt gli ospedali, e di conseguenza l'economia perché rischiamo chiusure, quando un numero di persone troppo elevato si ammala e viene ospedalizzato. L'obiettivo primario della campagna vaccinale era, è e rimarrà sempre quello di non riempire gli ospedali. In secondo luogo, c'è la circolazione virale. Oggi sappiamo che la copertura vaccinale sostanzialmente dopo 6 mesi declina, passa dal 75% a circa il 50% al contagio. Rimane molto alta per la malattia grave, era al 92% ed è scesa all'82%. Bisogna far ammalare meno possibile le persone", afferma Cartabellotta. "Se uno volesse stringere le maglie ulteriormente e dire che i vaccinati ogni mese devono fare un tampone molecolare, sarebbe una scelta ragionevole", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli