Covid: Casa Bianca, 'siamo ancora in guerra contro il virus'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Washington, 31 mar. (Adnkronos) – Con un aumento di casi registrato in 20 stati, la Casa Bianca invita gli americani alla cautela, nonostante il procedere spedito della campagna vaccinale. "Siamo ancora in guerra col virus. Le persone devono stare attente, Sappiamo che le persone sono frustrate, sono stanche di sacrifici. Lo comprendiamo. Ma dobbiamo continuare" a stare attenti, ha detto la portavoce Jen Psaki, ai microfoni della Cnn.

La Psaki ha anche criticato quei governatori che stanno revocando l'obbligo delle mascherine e riaprendo completamente le attività commerciali. "Anche negli stati dove i governatori hanno revocato queste misure, ci sono aziende, sindaci, leader locali che le mantengono perché sanno che servono a salvare le vite, che aiuteranno le loro comunità a tornare alla normalità", ha detto la portavoce della Casa Bianca.

Commentando l'annuncio di Pfizer-BioNTech sull'efficacia al 100% del proprio vaccino sui giovani tra i 12 e i 15 anni di età, la Psaki ha riferito che il ministro dell'Istruzione Miguel Cardona è "molto fiducioso" del fatto che in autunno nelle scuole possano riprendere le lezioni in presenza. Anche se l'annuncio di Pfizer deve ancora essere verificato dalla Food and Drug Administration, la notizia permette ai genitori di "avere ancora più fiducia che i loro ragazzi possano tornare in classe presto", ha commentato Psaki.