Covid, catena di supermercati australiana impone limitazioni agli acquisti

australia-contagi

Il recente aumento dei contagi da coronavirus registrato in Australia ha fatto ripiombare migliaia di cittadini nel panico da accaparramento vissuto all’inizio della pandemia, tanto che negli scorsi giorni ha catena di supermercati Woolworths ha deciso di istituire un limite al numero di acquisti per quanto riguarda beni come la carta igienica, i tovaglioli di carta e gli alimenti a lunga conservazione. Una scelta aziendale dapprima limitata solo allo stato di Victoria e in seguito estesa a tutta la nazione oceaniana.

Australia, coi contagi torna limite agli acquisti

Stando alle ultime direttive della catena di supermercati Woolworths, d’ora in avanti sarà possibile acquistare soltanto due pacchi di carta igienica e di tovaglioli di carta, mentre misure analoghe sono state prese anche per farina, zucchero, pasta, carne macinata, latte a lunga conservazione, uova e riso. Come confermato dalla stessa catena, la decisione è stata estesa a tutti i punti vendita dell’Australia: “In seguito a un recente aumento della domanda in diverse parti del Paese”.

Nel frattempo, l’amministratrice delegata Claire Peters ha dichiarato che: “La mossa precauzionale è volta a sostenere un’adeguata distanza sociale nei negozi durante il fine settimana e garantire a tutti i clienti l’accesso ai prodotti di cui hanno bisogno”, aggiungendo inoltre che per far fronte all’aumento delle richieste di prodotti sono stati ordinati: “650 mila pacchi aggiuntivi di rotoli di carta igienica, un aumento di oltre il 30% del nostro volume abituali”.

L’iniziale misura adottata nello stato di Victoria era stata presa in seguito all’esplosione di un grande focolaio di coronavirus concentrato nella città di Melbourne. Proprio nel tentativo di contenere il contagio, il governo australiano ha inviato sul posto un migliaio di soldati dell’esercito che al momento stanno coadiuvando le autorità locali nel prevenire una seconda ondata.