**Covid: Cecchetto, 'dare addosso a discoteche è sport nazionale, gente balla dove vuole'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 lug. (Adnkronos) – “Stanno ritardando ma la gente continua a ballare lo stesso, i locali conosciuti come ‘discoteche’ puoi anche non aprirli, ma i luoghi dove si può ballare sono aperti, per fortuna per chi vuole ballare e per sfortuna dei gestori”. Così, all’Adnkronos, Claudio Cecchetto sullo slittamento della riapertura delle sale da ballo che era prevista per ieri, a causa del quale gestori e associazioni di categoria scenderanno in piazza oggi a Roma per manifestare contro il governo.

“O fai un divieto di ballo, il che è impossibile e assurdo, perché chi balla, se vuole, lo fa, oppure vietare l’apertura delle discoteche è inutile. Chi lo desidera può ballare ovunque. In molti posti, anche nei ristoranti, a volte è presente una sala da ballo. E con l’estate e la bella stagione di luoghi per ballare ne trovi quanti ne vuoi”.

“Bisogna fidarsi dei gestori – conclude Cecchetto – credo che sanno essere molto attenti. Ma ormai è uno sport nazionale quello di dare sempre la responsabilità alle discoteche per qualsiasi cosa. È una cosa che succedeva anche quando ho iniziato, molti anni fa, a fare il dj”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli