Covid: Cgil Bergamo, 'rispondiamo con fermezza a violenza con matrice chiara'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 10 ott. (Adnkronos) – Dopo le violenze di gruppi fascisti e no vax ieri a Roma, con atti di vandalismo che hanno colpito la sede nazionale della Cgil, il sindacato ha immediatamente reagito aprendo e presidiando tutte le Camere del Lavoro in Italia. Anche la sede della Cgil di Bergamo resterà aperta: lo è stata questa mattina e lo sarà nel pomeriggio, in concomitanza con la manifestazione no vax organizzata sul Sentierone, si legge in una nota.

"Si tratta di uno sbocco violento dei movimenti che hanno fatto del no al vaccino la loro bandiera e che hanno assunto una matrice politica eversiva chiara" le parole di Gianni Peracchi, segretario generale della Cgil provinciale, pronunciate di fronte alla sede di via Garibaldi. "L’assalto alla Cgil anche dal punto di vista simbolico diventa così rilevante, evocando i periodi più neri della nostra storia recente. Ma come sempre la Cgil risponderà con civile e ferma determinazione. Ringraziamo tutte le forze politiche e sociali, i rappresentanti delle istituzioni e movimenti, i ciclisti della biciclettata per la pace e tantissimi altri ancora, che hanno manifestato la loro solidarietà anche qui a Bergamo" conclude Peracchi.

Sarà, intanto, organizzato un servizio di bus per partecipare alla manifestazione nazionale di sabato prossimo, 16 ottobre, indetta ieri sera da Cgil, Cisl e Uil contro i fascismi, in risposta alle violenze avvenute nella Capitale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli