**Covid: chef Beck, ‘6 posti a tavola è passo avanti ma finanze ristoratori languono’**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 giu. (Adnkronos) – “E' una buona notizia, un ulteriore passo avanti, ma bisogna restare attenti: siamo in condizioni migliori rispetto allo scorso anno, grazie anche al vantaggio delle vaccinazioni ma non dobbiamo abbassare la guardia”. Heinz Beck commenta, parlando con l’Adnkronos, la notizia che Governo e Regioni non hanno messo, nelle zone bianche, limiti di posti a sedere all'aperto ed hanno fissato a sei commensali il limite per tavoli all’interno dei ristoranti. “Tuttavia – afferma lo chef stellato della ‘Pergola’ di Roma – anche se le riaperture sono uno spiraglio importante per la ristorazione, alcuni problemi nel settore restano e riguardano quello degli investimenti, legato a sua volta dalla disponibilità finanziaria dei ristoratori, duramente messa alla prova da un anno e mezzo di crisi dovuta alla pandemia”.

“Per una vera ripartenza – sottolinea lo chef tedesco – bisognerebbe cercare di non caricare le strutture con costi evitabili e concedere incentivi, così come aumentare le detrazioni fiscali: la ristorazione ha costi enormi e non ci sono più le risorse, senza le quali una ripartenza pena e serena è impossibile”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli