Covid: chef Tomei, ‘ristoratori esasperati perché aziende stanno saltando per aria’ (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – “Ci vorrebbero delle politiche alle quali seguissero effettivamente i fatti – conclude – ad esempio incentivando i piccoli alimentari e contingentando invece gli ingressi nei supermercati, perché o lavorano tutti oppure nessuno. E poi sono necessari aiuti veri, non minimi, perché la ristorazione ha costi enormi ed è supertassata: oggi ad esempio si lavora con le aziende di delivery che sono economicamente insostenibili. E anche sulle osterie da salvare e di cui si parla tanto, cosa si fa realmente per tutelarle? In Giappone lo Stato aiuta la ristorazione perché ne riconosce l’importanza, mentre in Italia non si fa nulla, quando si sa benissimo cosa essa rappresenti per il made in Italy: solo parole, e la gente non ce la fa più e va a manifestare”.