Covid, Ciccozzi: “Variante Delta plus è una sottomarca, contagiosa come la Delta”

·1 minuto per la lettura
Prof. Ciccozzi
Prof. Ciccozzi

Intervistato a “Tagada”, programma di LA7, il professor Ciccozzi parla della nuova variante Delta plus: “L’ho vista da vicino è una sottomarca della variante Delta”

Ciccozzi, sulla variante Delta plus: che cos’è

Ciccozzi racconta in un collegamento da remoto con lo studio di “Tagada” che cos’è la variante Delta plus: “È una variante normale, come la Delta. Una specie di sottofamiglia, di sottomarca, non è più contagiosa. È al pari di una varicella come la Delta, per questo è diventata prevalente. Aumenta la sua contagiosità sicuramente, ma è ancora ampiamente coperta dal vaccino.”

Ciccozzi sulla variante Delta plus: i casi in Italia

“Qui al campus abbiamo trovato due casi isolati di varianti Delta plus. In Italia ci saranno in tutto 80 o 90 casi isolati, non hanno nessun rilievo. Non sviluppa un Covid diverso rispetto a quello che abbiamo conosciuto con la Delta. È però vero che correndo di più e avendo un 30% di falso negativo in più quando si fa il tampone, avere un falso negativo è molto più facile.”

Ciccozzi sulla variante Delta plus: l’importanza della terza dose

Ecco perché secondo Ciccozzi è fondamentale proseguire con la campagna vaccinale e la somministrazione delle terze dosi: Dobbiamo anticipare queste terze dosi. Dobbiamo guardare i dati israeliani. A sei mesi c’è un decadimendo degli anticorpi. Se facciamo la terza dose al quinto mese è perfetto perché anticipiamo un pochino ciò che accade. L’Austria ha imposto la terza dose dopo 4 mesi perché loro hanno molti più problemi di noi al momento. L’Italia non è fortunatamente nella stessa situazione. Incide il dato del contagio.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli