Covid, Cina lavora per migliorare il controverso pass sanitario

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 set. (askanews) - La Commissione di sanità cinese oggi ha annunciato oggi la volontà di procedere a un reciproco riconoscimento dei controversi pass anti-Covid tra le diverse province del paese, dopo che coloro che si spostano da una zona all'altra hanno subito i disagi di app che spesso non comunicano tra loro. Lo riferisce il South China Morning Post.

La Cina ha adottato un pass sanitario che indica coi colori del semaforo la possibilità per gli utenti di spostarsi o l'obbligo di isolarsi. Questo codice, conosciuto come "jiankang ma", è generato da app di contact-tracing gestiti dalle diverse province, che talvolta non comunicano tra loro.

Obbligatoriamente il pass va esibito quando si entra negli spazi pubblici. Il codice contiene inforazioni come quelle vaccinali, i risultati dei test Covid, il numero di giorni dall'ultimo test. Informazioni necessarie, secondo Pechino, per perseguire la strategia "Zero Covid" voluta dal presidente Xi Jinping.

La commissione ha annunciato di star lavorando a un miglioramento delle app che consentiranno il riconoscimento reciproco del pass tra le province. "Il paese ha raggiunto lo status 'una provincia, un codice' e la condivisione nazionale dei codice dei colori, facilitando la possibilità per le masse di viaggi ordinati", ha commentato il direttore della pianificazione della commissione Mao Qunan. "Stiamo lavorando - ha continuato - con tutti i dipartimenti interessati a migliorare continuamente la gestione dei codici sanitari e per promuovere l'interoperabilità e il riconoscimento reciproco dei codici sanitari per sostenere il controllo del Covid-19 e nello stesso tempo facilitare viaggi normali".

Le app col pass sanitario sono state fortemente criticate dopo che si è scoperto che alcune autorità locali ne hanno fatto un abuso per bloccare eventuali azioni di protesta. E' il caso delle vittime di uno scandalo finanziario nella provincia di Henan, che sono stati posti in quarantena immotivata attraverso il passaggio al rosso del loro codice, per impedire che manifestassero. Una serie di funzionari sono stati puniti per questi abusi.