Covid Cina, in lockdown 11 milioni di persone

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Le autorità cinesi hanno messo in lockdown una città di 11 milioni di persone, nella provincia di Hebei, per contenere la peggiore ondata di coronavirus che il Paese si trova ad affrontare da diversi mesi a questa parte. Ai cittadini di Shijiazhuang, non lontana da Pechino, è stato ordinato di non uscire dalla città, mentre le le principali autostrade sono state bloccate e cancellati tutti i trasporti aerei, ferroviari e via pulmann.

Il lockdown giunge dopo che mercoledì sono stati rilevati a Shijiazhuang 117 casi di coronavirus, di cui 67 asintomatici. A livello nazionale sono invece stati registrati mercoledì 123 nuovi contagi, il numero più alto dalla fine di ottobre. Chiusa anche la città di Xingtai. Le autorità sanitarie locali denunciano che l'origine di questi focolai è stata importata dall'estero, anche se non è ancora stato individuato il 'paziente zero'.

Nelle due città è stato avviato un programma di tamponi per tutti che dovrebbe concludersi domani: a Shijiazhuang sono già stati effettuati 4,86 milioni di tamponi, e a Xingtai, che ha una popolazione di 7 milioni, 1,89 milioni.

Verso seconda ondata nell'Hebei: "Situazione grave"