Covid Cina, verso seconda ondata nell'Hebei: "Situazione grave"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Il coronavirus torna a spaventare la Cina. Scatta un lockdown a Shijiazhuang, capitale della provincia dell'Hebei, per un nuovo focolaio di covid. Il ministero della Salute di Pechino ha reso noto che nella sola provincia a nord di Pechino, oggi sono stati registrati 52 nuovi casi con sintomi, e 69 asintomatici. "Nella regione si sta sviluppando una epidemia e la situazione è grave", ha dichiarato Ma Xiaowei, direttore della Commissione sanitaria nazionale in un incontro con rappresentanti della provincia.

Negli ultimi 2 giorni, in totale, il bilancio locale comprende 92 infezioni sintomatiche e 149 casi asintomatici. Le autorità hanno decretato quindi la chiusura di Shijiazhuang, città di 11 milioni di abitanti. Stop ai treni e ai collegamenti via bus con Pechino, distante 300 km. Nel vicino aeroporto di Zhengding sono stati cancellati quasi 230 voli nelle ultime ore. Da ieri sono chiusi asili e scuole. Proibiti eventi pubblici e chiusi siti turistici. Posti di blocco lungo le strade che portano alla città sono stati aperti per impedire gli spostamenti non essenziali. Tre funzionari locali sono stati 'puniti' per non aver saputo prevenire l'aumento dei contagi, ha reso noto l'autorità contro la corruzione.