Covid Cina, Sisci: "Rischio stagflazione"

·4 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Il controllo della pandemia prima di tutto. L'obiettivo 'Covid-zero', il lockdown duro per fermare il coronavirus, più di due anni dopo i primi casi a Wuhan, nell'anno in cui Xi Jinping va verso il terzo mandato da leader. Ma in Cina non si ferma l'impennata dei contagi, non è chiaro come e quando finirà l'emergenza, un fatto che comporta "elementi di grande incertezza per il futuro e per gli imprenditori". La crescita ha subito un rallentamento: le stime per quest'anno parlavano di un Pil al 5,5% annuo. E +4,8% è il dato del primo trimestre. Il risultato "è buono", ma c'è "l'incertezza del Covid", che "fermi di nuovo consumi e produzione mentre i prezzi delle materie prime di stanno impennando", così "il rischio" è che la seconda economia del mondo entri in un periodo di "stagflation", ('stagflazione', stagnazione più inflazione), dice all'Adnkronos il sinologo Francesco Sisci, ricordando come " il volume del commercio cinese sia più grande del mondo, più grande di quello americano" e quindi se ci fosse "un impatto per il commercio cinese" il mondo intero ne soffrirebbe.

"La Cina ha una contrazione dei consumi. C’è un aumento delle materie prime che la colpisce perché è importatore netto di materie prime - osserva - Aumento dei prezzi e stagnazione economica e la Cina potrebbe essere attaccata da una 'stagflation'. E se questo si innesca, nei prossimi mesi potrebbe avere effetti pericolosi a livello globale". C'è un altro punto: il "'sentiment' degli investimenti rischia di peggiorare", dice Sisci, evidenziando come "fabbriche importanti come Apple e Tesla abbiano bloccato la produzione a Shanghai". "Non la trasferiranno certo da un momento all'altro però cosa pensano?", osserva, ragionando sia sull'andamento della pandemia di coronavirus sia sul fatto che "la Cina è sottoposta a pressioni politiche mentre altri Paesi non lo sono".

Tornando alla crescita, Sisci parla di un dato (+4,8%) "un po' sotto la media", ma comunque "abbastanza buono" rilevando però come la situazione attuale sia quella di un gigante asiatico (1,4 miliardi di persone) con "forse 80 città, tra grandi e piccole, in una forma di lockdown totale o parziale", con "circa mezzo miliardo di persone con limitazioni della libertà, della produzione e dei consumi" e di un impatto che è "certamente molto grande". E' una situazione "nuova" rispetto a due anni fa, quando il lockdown cinese "funzionava" e la popolazione "obbediva agli ordini" e aveva "fiducia nel governo".

Allora, ricorda, "Europa e America andavano verso una situazione di grande confusione e volatilità e invece la Cina, grazie alle sue misure di controllo sociale, riprendeva la produzione e l'attività". Oggi è il contrario. E "la Cina è ritornata dentro il Covid senza nessuna prospettiva chiara di come e quando ne uscirà", un fatto che "comporta elementi di grande incertezza per il futuro e per gli imprenditori".

Cosa è successo dal 2020? E' accaduto, dice Sisci, che "in Cina per il successo delle misure draconiane e per la mancanza di un vaccino efficiente cinese non c'è immunità di gregge, per cui se oggi la Cina provasse ad aprire potrebbero esserci milioni di morti". E il gigante asiatico "potrebbe importare un vaccino occidentale, ma una campagna vaccinale per un miliardo e mezzo di persone è complicata" oltre a essere "un problema politico". Ovvero, "importare Pfizer e usarlo per una campagna vaccinale massiccia significa comunque comunicare che l'America è efficiente e la Cina non tanto".

E c'è anche il mantra 'Covid-zero'. "In questi due anni - afferma il sinologo - noi ci siamo abituati a convivere con il Covid, mentre il messaggio della Cina è stato che si poteva vivere completamente liberi dal Covid". E c'è quindi sempre il problema di spiegare alla popolazione, "passare da una sicurezza totale a una incertezza del contagio, a una convivenza con la malattia", tutte questioni "enormi a cui oggi non abbiamo risposta". E che "gettano un'ombra su tutta l'economia cinese nei prossimi mesi, almeno nel prossimo anno fin quando - prosegue - non ricomincerà una nuova campagna vaccinale massiccia".

Quello che accade nel gigante asiatico - conclude - "potrebbe avere un impatto negativo a livello globale, ma anche, in particolare, potrebbe avere effetti pericolosi per la Cina stessa".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli