Covid: Codacons all'attacco, 'obbligo Green Pass in Italia? Lede diritti inviolabili, ci opporremo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 15 lug. (Adnkronos) – Istituire l'obbligo di Green Pass 'modello Macron' anche in Italia? "Inaccettabile e improponibile. Sarebbe gravissimo, un obbligo non proporzionato e lesivo dei diritti costituzionali che garantiscono le principali libertà personali. Difenderemo chiunque sarà discriminato nei suoi diritti inviolabili di libertà". Ad affermarlo, in un'intervista all'Adnkronos, è il presidente del Codacons Carlo Rienzi che, all'indomani dell'annuncio bomba del premier francese Emmanuel Macron di introdurre in Francia il green pass obbligatorio e l'obbligo vaccinale per i sanitari, chiarisce immediatamente che l'eventualità di un provvedimento simile in Italia non verrebbe accolto favorevolmente dall'associazione.

"L'ipotesi di istituirlo qui da noi non è realizzabile -spiega Rienzi- D'altra parte abbiamo già avuto sentenze anche del Tar che hanno bocciato l'obbligatorietà dei vaccini e tante altre imposizioni in ambito sanitario". Il riferimento del presidente del Codacons è, tra le altre, "alle sentenze 10047 e 10048 del 29 settembre 2020, con cui il Tar del Lazio ha annullato l'ordinanza della Regione Lazio che stabiliva l’obbligo di vaccinazione antinfluenzale e pneumococcica per gli over65 e per tutto il personale sanitario, pena la temporanea inidoneità al lavoro per il personale sanitario e per le persone ultra 65 anni l’impossibilità di accedere a centri anziani o altri luoghi di aggregazione", ricorda Rienzi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli