Covid: Consulenti, controllo green pass per accesso a luoghi lavoro anche a campione

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 set. (Labitalia) – "Il controllo della certificazione del Green pass per l’accesso ai luoghi di lavoro può essere fatto anche a campione. È evidente, comunque, che un controllo diffuso e incondizionato garantirebbe migliori margini di sicurezza". E'una delle osservazioni contenute nell’approfondimento della Fondazioni Studi dei consulenti del lavoro dal titolo 'La bussola per il Green pass nei luoghi di lavoro'.

Secondo i consulenti "tuttavia, tale controllo – quotidiano – potrebbe richiedere un dispendio di tempo ed energie significativo, soprattutto per le realtà piccole o medio-piccole. Sarebbe pertanto opportuno, ai fini applicativi, riconoscere la possibilità di rilevare al primo controllo, la data di scadenza della certificazione, fornendo all’interessato idonea informativa ed acquisendo il necessario consenso, ai fini della conformità con i diritti connessi al trattamento dei dati personali, in modo da evitare la reiterazione di controlli identici", spiegano i consulenti del lavoro.

"Anche prescrivendo la necessità che tale operazione faccia parte delle modalità operative che si richiede di attuare entro il 15 ottobre", concludono i consulenti del lavoro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli