Covid: Conte, 'nostri Dpcm tradotti in tutte le cancellerie occidentali '

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 ott. (Adnkronos) – "Non avevamo manuali di istruzione, abbiamo definito una strada che in tutto l'emisfero occidentale è stata poi seguita, i nostri Dpcm venivano tradotti, andavano in tutte le cancellerie più importanti del mondo occidentale". Lo ha affermato Giuseppe Conte, intervistato a 'Stasera Italia' su Retequattro.

"Poi pensavo all'impatto sul piano sociale, al disagio psicologico. Immaginate -ha raccontato l'ex premier- che di fronte ad un nuovo decreto che introducesse nuove misure restrittive tutta la popolazione complessivamente o diffusamente iniziasse una disobbedienza civile. Ecco perché è stata importante anche la comunicazione, il metterci la faccia e spiegare ai cittadini a più riprese quello che stavamo facendo, che non era una dittatura come tanti pazzarelli dicevano in giro, ma era necessario procedere con quella base scientifica e assumerci quelle responsabilità politiche che ci siamo assunti".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli