Covid, Conte: nuove disuguaglianze, impiegati pubblici più protetti

Luc
·1 minuto per la lettura

Roma, 18 nov. (askanews) - "L'ho detto anche ai sindacati confederati che abbiamo incontrato l'altra sera. Dobbiamo essere consapevoli come governo che si stanno creando nuove diseguaglianze: che ci sono categorie che godono di una maggiore protezione, fasce sociali che riescono anche ad accumulare maggior risparmio rispetto al passato, pensiamo ai pubblici impiegati". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, intervenendo all'assemblea Fipe. Il presidente del Consiglio ha osservato che "i pubblici impiegati riescono a organizzare meglio le attività di vita con lo smart working, lavorando assolutamente sì con un risparmio di spesa e di tempo riguardo i trasferimenti. Ma ci sono altre categorie, settori della popolazione che sono in forte emergenza e sofferenza perché l'impatto della pandemia interessa tutti coloro che non hanno reddito fisso: partite iva, professionisti, piccoli imprenditori che oltre alla perdita di fatturato devono sostenere costi fissi difficilmente comprimibili anche di questi tempi".