Covid, copertura vaccini diminuisce entro primi sei mesi - studio GB

·1 minuto per la lettura
Una fiala con l'etichetta "Astra Zeneca COVID-19 Coronavirus Vaccine" davanti la bandiera del Regno Unito

LONDRA (Reuters) - Secondo alcuni ricercatori britannici la protezione offerta da due dosi dei vaccini anticovid sviluppati da Pfizer/BioNTech e Oxford/AstraZeneca inizia a ridursi entro i primi sei mesi, scoperta che sottolinea l'importanza di una terza dose.

Dopo cinque o sei mesi, l'efficacia del vaccino Pfizer nel prevenire il contagio ottenuta a un mese dalla somministrazione della seconda dose scende dall'88% al 74%, come emerge dall'analisi dei dati dello studio britannico Zoe Covid.

Per quanto riguarda il vaccino AstraZeneca, l'efficacia passa dal 77% al 67% dopo quattro o cinque mesi.

Lo studio si basa su dati provenienti da oltre 1,2 milioni di test.

In precedenza altre analisi dei dati avevano suggerito che i vaccini forniscono protezione per almeno sei mesi.

Nel peggiore dei casi la copertura potrebbe scendere al di sotto del 50% per anziani e operatori sanitari entro l'inverno, secondo Tim Spector, ricercatore dello studio Zoe Covid.

"Viene così sottolineata la necessità di agire. Non possiamo restare a guardare mentre la protezione lentamente diminuisce con casi e rischio di contagio ancora alti", ha detto Spector alla Bbc.

La Gran Bretagna sta iniziando a pianificare una campagna per i richiami del vaccino anticovid da avviare verso la fine dell'anno, dopo che i maggiori esperti di vaccini hanno affermato che potrebbe essere necessario somministrare una terza dose ad anziani e soggetti più vulnerabili a partire da settembre.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Roma Giselda Vagnoni)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli