Covid: De Corato, 'impedire rave clandestino con intervento dopo primi arrivi'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 27 giu. (Adnkronos) – "Le istituzioni e le forze dell’ordine dovevano impedire il rave party 'no mask' avvenuto a Maleo, nel lodigiano, all’arrivo dei primi partecipanti. I residenti hanno segnalato la loro presenza ma non si è intervenuti per allontanarli ed evitare un pericoloso raduno di 700 giovani senza mascherine. Il raduno è cominciato sabato sera con il primo arrivo di un centinaio di ragazzi in treno che da Codogno hanno raggiunto a piedi il luogo del rave, una ex cava. Dovevano essere bloccati immediatamente". Lo sostiene l'assessore lombardo alla Sicurezza, Riccardo De Corato commentando il rave party avvenuto a Maleo (Lodi).

"Non è concepibile permettere in tempi di Covid un assembramento di questa portata per di più composto da convinti 'no mask' alterati dall’alcol e dalle sostanze", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli