Covid: Costarelli (presidi Lazio), 'vaccino 5-11 anni? Genitori molto perplessi, hanno paura'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 nov. (Adnkronos) – L'imminente varo del vaccino anti covid per la fascia 5-11 anni suscita incertezze. "Abbiamo percepito molta perplessità da parte dei genitori a Roma e nel Lazio. Non crediamo che la risposta sarà analoga a quella registrata nelle secondarie superiori. Le famiglie hanno paura delle conseguenze ed i dirigenti ed il corpo docente, che senz'altro vedono positivamente la vaccinazione i cui risultati sono chiaramente tangibili, rispetto ai più piccoli sono prudenti e si affidano alle decisioni dell'attività sanitaria". Lo dice all'Adnkronos Cristina Costarelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi per il Lazio che dalle "segnalazioni informali" in particolare nella Capitale, riferisce di "una tangibile differenza tra il primo ciclo e le superiori sui casi di quarantena: per i più piccoli – conclude – stanno aumentando non quanto alle superiori".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli