Covid: costituzionalista Vari, 'non vaccinati in lockdown? Sì, non lede principio eguaglianza' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Quanto alle conseguenze delle misure, "mi sembra che, da un lato, si lasciano ampi spazi di libertà ai non vaccinati per quanto riguarda il godimento di tanti diritti fondamentali, come l’accesso alla giustizia, ai servizi della Pubblica amministrazione, alle cerimonie religiose, a tante attività svolte in luogo privato; dall’altro, si finisce, opportunamente, per favorire indirettamente la vaccinazione, senza introdurre un obbligo, ma con conseguenze positive sia per tutti i consociati, sia, salvo rarissimi casi, per coloro che si sottopongono a vaccinazione. È utile, oltretutto, ricordare – conclude Vari – che la proibizione ai non vaccinati di certe attività o servizi aperti ai vaccinati/guariti è presente già nel nostro ordinamento e addirittura per i minori. I bambini non in regola con le vaccinazioni non possono infatti frequentare gli asili nido e le scuole dell’infanzia".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli