Covid, Crisanti: "Andiamo verso 50-60 mila morti l'anno"

Covid, Crisanti:
Covid, Crisanti: "Andiamo verso 50-60 mila morti l'anno" (Photo by Massimo Bertolini/NurPhoto via Getty Images)

Il microbiologo Andrea Crisanti ha lanciato un nuovo allarme sul Covid. Lo ha fatto dalle pagine del Fatto Quotidiano. In una intervista, Crisanti ha detto: "Ormai sappiamo che i morti per lo più non passano per le terapie intensive. Non si portano in rianimazione persone di 85 anni con più patologie, perché le probabilità che se ne giovino sono basse. Più passa il tempo, più questa forchetta aumenta".

LEGGI ANCHE: Rasi: "Omicron 4 e 5 pericolo reale, rischiamo autunno difficile"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, Rezza "Tendenza alla decongestione degli ospedali"

Andrea Crisanti ha spiegato che l'immunità di gregge "si raggiunge quando mortalità e contagi oscillano, ma nel tempo rimangono sostanzialmente stabili. Questo significa che il tasso di riproduzione del virus Rt è uguale a 1 o intorno a 1. In realtà si sarebbe raggiunta anche prima dei vaccini ma con un costo ancora più alto in termini di decessi. L'immunità di gregge non significa che il virus non circola più, questa è pura fantasia".

LEGGI ANCHE: Monitoraggio settimanale dell'Iss sul Covid-19: "562 casi su 100mila abitanti"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Il covid ha ucciso tra 13,3 e 16,6 milioni di persone nel 2020-2021

Quanto ai vaccini, secondo Crisanti il fatto che non evitino l'infezione "paradossalmente è un bene: sarebbe molto peggio un vaccino che protegge dall'infezione ma dura solo sei mesi". Cristanti ha spiegato che aveva proposto un cambio di strategia ma "non hanno fatto nulla e questo ci porta a 50/60 mila morti l'anno per una malattia infettiva, cioè a livelli dell'inizio del XIX secolo quando le malattie infettive erano la prima causa di morte. Se il Covid ne fa 50-60 mila diventa la prima causa di morte in Italia". D'estate diminuiranno "forse di un quinto".

LEGGI ANCHE: Rezza: segnali di miglioramento, ospedali verso decongestione

Il virus circolando "sta creando protezione, molto più del vaccino. Se noi oggi bloccassimo la trasmissione, a settembre sarebbe un disastro". Per Crisanti "non servono gli obblighi, come non serviva il green pass. Bisogna solo proteggere i più fragili".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli