Covid, Crisanti: “Arriveremo a 20 mila casi al giorno, accelerare sulla terza dose”

·1 minuto per la lettura
crisanti 20 mila casi
crisanti 20 mila casi

Il microbiologo di Padova Andrea Crisanti ha affermato che presto l’Italia arriverà a contare 20 mila casi positivi al Covid al giorno. Nella giornata di mercoledì 17 novembre è stata, per la prima volta nella quarta ondata, superata l’asticella dei 10 mila contagi.

Crisanti: “20 mila casi al giorno”

Intervenuto durante la trasmissione Otto e mezzo in onda su La7, l’esperto ha inizialmente commentato la situazione dell’Inghilterra in cui il 75% della popolazione è vaccinato e non vi è alcuna restrizione. “C’è un equilibrio tra la capacità del virus di trasmettersi e quella del vaccino di bloccarlo, fissato a circa 40 mila casi e 160 decessi al giorno“, ha spiegato.

In Italia, ha continuato, esistono misure di contenimento aggiuntive, come mascherine, green pass e tamponi, che hanno un impatto sulla trasmissione. Per questo ha ritenuto che il nostro paese raggiungerà un equilibrio ad un livello più basso, intorno ai 20 mila contagi al giorno.

Crisanti: “20 mila casi al giorno, accelerare su terze dosi”

L’unica cosa da fare in questo scenario, ha evidenziato Crisanti, è accelerare con la somministrazione della terza dose: “Invece mi pare che si perda di vista il problema parlando dei no vax, ma la vera battaglia è sui richiami“. E’ infatti presumibile che i 44 milioni di persone che si sono vaccinati due volte siano disponibili a vaccinarsi una terza. “Si sa da giugno-luglio che i vaccini avrebbero iniziato a perdere efficacia dopo 6 mesi“, ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli