Covid, Cts: "Avremo un'estate più tranquilla, ma..."

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Secondo i membri del Comitato Tecnico Scientifico, i mesi estivi saranno caratterizzati da libertà maggiori, minori restrizioni anti-contagio e più possibilità di svago, ma le misure contro il Covid come mascherine e distanziamento sociale dovranno rimanere in vigore almeno fino alla fine dell’anno. Anzi, per il portavoce del Cts Silvio Brusaferro, queste regole saranno necessarie “fino a che la maggioranza della popolazione non verrà immunizzata”.

Fabio Ciciliano, segretario del Comitato Tecnico Scientifico, ha detto in un'intervista con Il Messaggero che potremo godere “vacanze più tranquille”, tuttavia, ha specificato, le “precauzioni dovranno continuare”. Nelo specificio, parlando di mascherine, Ciciliano ha sottolineato che “per prudenza, potrebbero essere necessarie per tutto il 2021”. E citando l’esempio di Israele, dove lo scorso mese è venuto meno l’obbligo di indossarle negli spazi all’aperto, ha fatto presente che in Italia, per il momento, la possibilità di fare a meno di dispositivi di protezione è ancora lontana. “L’esempio di Israele non possiamo ancora seguirlo perché noi raggiungeremo l’immunità di gregge solo in autunno”, ha affermato.

VIDEO - Grande successo per il weekend di festa a Liverpool

“Per essere in sicurezza”, secondo il segretario del Cts, dovremmo aver somministrato “la doppia dose a 42 milioni di italiani”. Ma “possiamo essere ottimisti, per le vacanze avremo molte opportunità di svago e libertà, ma dobbiamo mantenere alta l’attenzione perché l’esperienza dell’anno scorso qualcosa ci deve insegnare”.

VIDEO - Stop obbligo mascherine in Israele: il ritorno della normalità