Covid, da avvio task force in Lombardia 200.000 tamponi al giorno

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 gen. (askanews) - Da quando è attiva la "task force" per i tamponi, voluta dalla vicepresidente ed assessore al Welfare, Letizia Moratti, la Regione Lombardia ha incrementato in modo significativo la capacità di testing. Nell'ultima settimana di dicembre, ha segnalato in una nota il responsabile Guido Grignaffini, erano stati infatti erogati 1.174.300 tamponi, mentre nella prima settimana di gennaio (3-9 gennaio) è stata raggiunta la quota di 1.259.356 tamponi. È stata quindi superata quasi sistematicamente la quota di 200.000 tamponi al giorno. Il 10 gennaio, ad esempio, ne sono stati eseguiti ben 286.000.

"Questi numeri - ha osservato il responsabile della 'Task force tamponi' - sono il frutto di un lavoro di potenziamento della rete di offerta dei punti tamponi su tutto il territorio regionale. Un risultato raggiunto attraverso l'attivazione di nuovi centri massivi e di prossimità e l'estensione oraria dei centri esistenti". "Abbiamo puntato molto - ha aggiunto - sul coinvolgimento di tutti gli attori del Servizio Sanitario Regionale: Ats e Asst, privati, Mmg e farmacie".

Per gestire al meglio le code presso i punti tampone, evidenzia la Regione nella nota, sono stati definiti in modo chiaro i criteri di accesso e sono stati creati dei percorsi diversificati per le varie tipologie di utenti. La distinzione riguarda sintomatici, guarigione, quarantena, sorveglianza scolastica e rientro estero. Inoltre sono state definite idonee modalità organizzative per la gestione dell'afflusso dei pazienti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli